Blog

Cannabis Terapeudica?

PER QUALI PATOLOGIE VIENE UTILIZZATA?

Al momento la ricerca sull’utilizzo della cannabis terapeutica è ancora agli inizi, ma procede a gonfie vele la ricerca continua e la vendita di questa sostanza.

La Cannabis contiene  una percentuale differente delle diverse molecole attive- utilizzati principalmente per il controllo di nausea, vomito, appetito nei pazienti sottoposti a chemioterapia.

Accanto a questo utilizzo, ben documentato dalla letteratura scientifica, si affiancano alcuni studi sui vantaggi dell’utilizzo della cannabis nel controllo del dolore cronico.

Oltre a queste indicazioni la marijuana a scopo terapeutico viene utilizzata ma mancano ancora studi che ne provino l’efficacia- nella gestione del dolore in chi soffre di sclerosi multipla e sindrome di Tourette.

Inoltre la cannabis contiene solo THC e CBD utile nel controllo degli spasmi muscolari dovuti alla sclerosi multipla.

Quindi in linea generale la Cannabis è utile per molte patalogie e aiuta a risolvere molte casi patologici.

Semi di Cannabis Autofiorenti

Semi di Cannabis Autofiorenti

Cosa Sono?
Quali sono i loro Vantaggi?

La principale caratteristica dei semi di cannabis autofiorenti è la loro capacità di portare a una fioritura delle piante in 2/4 settimane.
Entrando nel vivo delle loro peculiarità, è doveroso fare presente che si tratta di semi frutto dell’incrocio tra la cannabis sativa indica e la genetica ruderalis.
Parlare della sua provenienza significa guardare a zone del mondo dal clima particolarmente rigido, come per esempio la Siberia.

Perchè c’è questo incrocio? Il motivo è legato al fatto che, da sola, la genetica ruderalis presenta criticità non indifferenti.

Grazie alla ricerca botanica che è realtà da diversi anni, è stato possibile scoprire che, procedendo con l’incrocio sopra ricordato, si riescono a ottenere delle belle sementi autofiorenti e a bypassare problematiche che comprendono anche la fioritura di piante troppo piccole.

Parlando invece della fioritura, è bene specificare che, già dopo una ventina di giorni, è possibile notare i primi segni di presenza della pianta.
I coltivatori che si trovano in questa situazione devono fare molta attenzione affinché nell’ambiente in cui la pianta è collocata ci siano delle condizioni climatiche e d’illuminazione ottimali.
Il motivo è che il ciclo di fioritura essendo estremamente breve, è necessario massimizzare il tempo.

Esistono dei periodi buoni per piantarli?

In merito ci sono diversi punti di vista. Uno dei più diffusi è quello che raccomanda di piantare i semi in questione all’inizio dell’estate.

Che terreno utilizzare?

L’oggettiva praticità dei semi di cannabis autofiorenti non mette in secondo piano la necessità di curare diversi dettagli, come per esempio la scelta del terreno migliore da utilizzare. Secondo gli esperti, l’opzione da considerare in questi frangenti è un terriccio il più soffice possibile.

Se si ritiene che il drenaggio non è sufficiente, si può optare per l’aggiunta di perlite. Di cosa si tratta di preciso? Di una sostanza inerte – il suo pH è pari a 7 – derivante dall’ossidiana.

Nel momento in cui la si aggiunge, è cruciale assicurarsi che rappresenti non meno del 10 e non più del 50% del volume complessivo della miscela in cui le piante crescono. Se si ha intenzione di ottimizzare la ritenzione idrica e non si ha molto tempo per procedere all’utilizzo di sostanze nutritive, il consiglio è quello di mantenersi tra il 10 e il 20%.

I vantaggi

Quali sono i vantaggi del ricorso ai semi autofiorenti di cannabis? Oltre alla già citata fioritura rapida, spicca la possibilità di non doversi impegnare eccessivamente la regolazione dell’illuminazione nella sopra citata fase.

Quest’ultimo aspetto, invece, richiede molta cura nelle situazioni in cui si ha a che fare con le cosiddette varietà fotoperiodiche.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare dei motivi per cui vale la pena prendere in considerazione nel proprio percorso di coltivazione della cannabis i semi autofiorenti. Soluzione particolarmente adatta a chi è alle prime armi, questa tipologia di sementi si contraddistingue anche per la mancanza di sostanziali differenze rispetto alle sementi femminizzate per quanto riguarda l’aroma, un aspetto basilare per chi ama la cannabis.

 

 Cannabis ed Epilessia

In questo articolo parleremo di Cannabis ed Epilessia

L’utilizzo della pianta di Cannabis per controllare gli attacchi epilettici è uno degli usi più antichi di questa pianta.

La prima pubblicazione scientifica a riguardo per il mondo Occidentale venne scritta da William O’Shaughnessy’s nel 1840 e dimostra l’utilizzo di tintura di canapa per trattare gli attacchi epilettici di un infante.

Nel 1890 il medico personale della Regina Vittoria, il Dr. J.R. Reynolds descrisse la Cannabis come:

Dal 1967 si raccolgono numerosi report medici sull’utilizzo di questa pianta nell’epilessia, ove pazienti sono riusciti ad abolire tutti gli attacchi di epilessia petit mal e grand mal precedentemente resistente agli anticonvulsivi.

La diversità molecolare ed eziologica alla base delle varie forme di epilessia, le comorbidità individuali, la variabilità della composizione della Cannabis utilizzata, le differenze nei metodi di somministrazione, e possibile utilizzo concomitante di droghe prescritte o illecite ostacolano conclusioni cliniche definitive.

Il CBD è sicuramente una molecola anticonvulsivante più affidabile del THC, ed esibisce effetti benefici clinici rilevanti in bambini epilettici resistenti ai classici farmaci anti-epilettici. Inoltre, in contrasto agli anti-epilettici tradizionali, il CBD è meglio tollerato nei soggetti pediatrici e non induce effetti collaterali motori o neurotossici.

Epidiolex è uno sciroppo di CBD formulato dalla casa farmaceutica ed approvato recentemente per la Sindrome di Dravet e la Lennox-Gastaut (forme di epilessia molto aggressive nei bambini ed adolescenti).

Il CBDV, il THCV e il THCA, fitocannabinoidi minori, sembrerebbero offrire ancor più efficacia del CBD come anticonvulsivanti, anche se al momento non esistono studi clinici che abbiano messo in diretta comparazione questi fitocannabinoidi.

Iscriviti Alle Newsletter

Contatti
THE ITALIAN JOB SL
CALLE PROVENZA 242 
08008 BARCELONA(ESPAÑA)                                        TEL/WHATSAPP +34 650.939.144                 

0
    0
    Your Cart
    Your cart is emptyReturn to Shop