Info Semi

I semi certificati di cannabis sono semi di canapa industriale. Sono certificati, e sono legalmente coltivabili in tutta l’Unione Europa. La certificazione viene fornita gratuitamente insieme ai semi alla consegna dell’ordine. I semi certificati hanno sempre un contenuto di THC di 0.2%, ovvero sotto il limite di legge stabilito e livelli di CBD molto alti. Essi sono utili per una coltivazione di canapa con diversi scopi, come per esempio la produzione di infiorescenze light, biomassa da estrazione, fibra di canapa, semi. I semi di canapa certificati si suddividono in Dioici e Monoici e le differenze sono le seguenti…

SEMI CERTIFICATI DIOICI

I semi di canapa dioica sono semi regolari, ovvero generano piante di cannabis sativa femminili o maschili, con una probabilità del 50%. Essi hanno un ciclo di vita fotoperiodico e hanno la capacità di produrre quantitativi enormi di infiorescenze CBD. Per esempio la canapa Carmagnola produce molto facilmente 1500 g di cime di marijuana legale. Oltre a ciò, possono essere utilizzate per produrre anche fibra di canapa ed Olio di Canapa attraverso i suoi semi.

SEMI CERTIFICATI MONOICI

I semi di cannabis sativa monoica generano al 100% piante ermafrodite, ceppi con entrambi i generi sessuali sulla medesima pianta. Sono indicate per produrre quantità di semi enormi, con cui produrre Olio di Canapa (prodotto ricco di benefici per il corpo umano Es.Omega 6). Inoltre, è possibile ricavarci grandi quantità di biomassa. Per quanto riguarda la produzione di infiorescenze, questa genetica è discretamente produttiva; se devi coltivare con lo scopo di generare cime di cannabis legale conviene puntare molto di più sulla genetica dioica. La varietà monoica più produttiva è Futura 75.

SEMI AUTOMATICI

I semi automatici di cannabis hanno un ciclo di vita più corto delle varietà fotoperiodiche, inoltre non hanno bisogno di un cambio delle ore di luce per iniziare il periodo di fioritura. Queste varietà fanno la loro comparsa nel mercato dei semi di cannabis dall’ anno 2000. Sono ottenute utilizzando geni di varietà Ruderalis. Però, la produzione ed i livelli di THC e CBD sono un pò inferiori in confronto alle varietà fotoperiodo. I semi autofiorenti nella coltivazione outdoor offrono diversi vantaggi ai coltivatori meno pazienti. Nella maggior parte dei climi del sud Europa è possibile completare fino a 4 cicli ogni anno, inoltre le dimensioni dalla cannabis automatica restano contenute, quindi sono al riparo dagli occhi indiscreti.

I semi di cannabis autofiorenti hanno caratteristiche che li rendono veramente unici. Si tratta di semi femminizzati, per generare soltanto piante femminili al 100%, ed evitare il rischio di avere anche piante maschio le quali potrebbero impollinare le fantastiche gemme delle piante femminili. Con i semi autofiorenti otterremo piante robuste che non necessiteranno di manutenzione giornaliera e richiedono minore sostanze nutritive rispetto alle piante a fotoperiodo. I semi automatici hanno anche la caratteristica fondamentale di produrre cime di marijuana molto compatte cristallizzate di resina. Nel nostro store sono presenti numerose varietà di semi automatici aventi livelli di Cannabinoidi molto elevati.

I SEMI FEMMINIZZATI

I semi femminizzati hanno fatto molta strada dalle prime fasi della femminilizzazione. Ciò che ne consegue è che i semi femminizzati non contengono cromosomi maschili. Ciò garantisce che ogni pianta che proviene da un seme femminizzato produrrà fiori femminili.

Ottieni semi di cannabis femminizzati quando il polline che usi per fertilizzare una pianta femmina proviene da una pianta femmina. Quindi, incroci i geni di due piante femminili, assicurandoti che la prole sarà solo femmina. Per ottenere questo polline femminile, dovrai convincere la tua pianta di cannabis femminizzata a produrre fiori maschili. Ci sono due metodi per questo:

  1. Trattare la pianta di cannabis femmina con argento colloidale (chiamato anche acqua d’argento)
  2. Causando intenzionalmente lo stress della pianta

Quando si utilizza l’argento colloidale, la probabilità che i semi diventino ermafroditi è minima. Questo perché la femmina che ha prodotto il polline ha a malapena predisposizione genetica a diventare ermafrodita.

Fornendo alle piante femmine tracce di argento colloidale, lo ione argento inibisce la produzione di etilene necessaria alla pianta per produrre fiori femminili. Questo costringe la pianta femmina a produrre sacche polliniche maschili. Questo polline fertilizza successivamente le piante femminili che, a loro volta, produrranno semi femminizzati.

 

Iscriviti Alle Newsletter

Contatti
THE ITALIAN JOB SL
CALLE PROVENZA 242 
08008 BARCELONA(ESPAÑA)                                        TEL/WHATSAPP +34 650.939.144                 

0
    0
    Your Cart
    Your cart is emptyReturn to Shop